Bestialità in libertà

urlo-munch-258Ringrazio l’amico Roger Marchi per la segnalazione di questo articolo comparso sul sito paviafree.it a firma Paola Montonati. Secondo la pagina chi siamo, cito testualmente, “Lo staff di PaviaFree.it è formato da professionisti del mondo della comunicazione e da appassionati della città di Pavia”.

Devo supporre che la passione dei colleghi di PaviaFree si fermi per l’appunto alla città di Pavia, perché quando si spingono in Oltrepò i risultati sono assai discutibili. Anzi, direi proprio disastrosi. Difficile infatti trovare tante corbellerie, inesattezze, imprecisioni concentrate in così poche righe. Dapprima si favoleggia di un pinot nero che “arrivò in Lombardia grazie agli antichi romani, che lo avevano scoperto nel sud della Francia, dove da sempre la viticoltura era parte dell’economia del popolo gallo” (mentre è vero semmai il contrario, e comunque di certo non si trattava di pinot nero). Poi si parla della “nascita della cantina La Versa di Broni nel 1930”, mentre basterebbe una semplice visita al sito ufficiale per verificare che Cesare Gustavo Faravelli fondò La Versa nel 1905, ovviamente a Santa Maria della Versa. Si prosegue affermando che “Oggi non solo la Società Vinicola Italiana di Casteggio si occupa con passione della produzione del Pinot Nero”; peccato che la SVIC non esista più da prima della Seconda guerra mondiale, quando fu acquisita dalla Cantina di Casteggio. Infine questa perla, che non commento neppure: “Ma non c’è solo lo storico spumante dell’Oltrepò nel carnet dei vini del Pavese, ma c’è ne sono anche altri, meno noti, ma non per questo da dimenticare. Come il Classico, sempre derivato dal Pinot Nero, che è rosato oppure colore della paglia, o il rosso rubino del Pinot elegante”.

paviafreeNon voglio infierire oltre, perché ci sarebbe qualche altra imprecisione minore da segnalare. Mi limito a un appello. Giacché l’Oltrepò Pavese è già di per sé campione mondiale di autolesionismo, non ha davvero bisogno di questi contributi esterni. Se volete parlarne, per favore, cercate di farlo con un minimo di professionalità. A maggior ragione se siete un organo di informazione pavese.

Pubblicato in Cattivo giornalismo, Oltrepò Pavese, Pensieri e polemiche Tag: , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi