Alghero Torbato Terre Bianche ’13 –
Sella & Mosca

terre biancheIl Vino della Settimana di oggi è un bianco che viene dalla Sardegna. Si tratta del Torbato Terre Bianche delle Tenute Sella & Mosca. Come ho già spiegato, in questa rubrica non è mia intenzione proporre vini strepitosi ma prodotti in quantitativi limitati oppure troppo costosi bensì vini piacevoli, facilmente reperibili e dall’ottimo rapporto qualità/prezzo.

Il torbato è un vitigno autoctono sardo vinificato in pratica solo da questa azienda in varie versioni; azienda nata nel 1899 di cui a questo link si può leggere la storia e della quale, per chi si trovasse in zona, consiglio senz’altro la visita non fosse altro che per il museo e per la necropoli di Anghelu Ruju che si trova all’interno della proprietà e che, tra l’altro, dà il nome a un vino fortificato tutt’altro che disprezzabile. Il Terre Bianche ’13 è un vino dal colore paglierino brillante, con profumo delicato, note minerali e salmastre, sentori di frutta gialla e macchia mediterranea. In bocca è più elegante che strutturato, ha una sua esile tensione e una notevole armonia complessiva. Si trova facilmente nelle enoteche della grande distribuzione intorno ai 5-6 euro. Abbinamento ideale branzino al forno con patate.

Per chi desiderasse qualcosa di più, la selezione Terre Bianche Cuvée 161, che beneficia di una più lunga permanenza sulle fecce nobili e di una parte del mosto fermentata in barrique, è reperibile online sui siti specializzati a 9-10 euro.

Pubblicato in Il Vino della Settimana, Sardegna Tag: , , , , . Contrassegna il permalink.

4 commenti a Alghero Torbato Terre Bianche ’13 –
Sella & Mosca

  1. Eugenia ha scritto:

    Che piacere! Pensavo saltasse la rubrica questa settimana, invece eccola qua.

  2. Emilio ha scritto:

    Ottimo vino!

  3. Eugenia ha scritto:

    Beghi ma la musica? Ci manca l’accompagnamento musicale. Può provvedere? Sa che quando si beve la musica ci sta bene.

  4. Francesco Beghi Francesco Beghi ha scritto:

    Con questo vino elegante e profumato consiglio la giovane Joni Mitchell:

    http://youtu.be/OJ4luSgmPME

Rispondi